LE ASSAGGIATRICI (DI HITLER)

“Mia madre diceva che quando si mangia si combatte con la morte. (…) Quasi che ogni gesto di sopravvivenza esponesse al rischio della fine: vivere era pericoloso; il mondo intero, un agguato.”

Che cosa si è disposti a fare, pur di sopravvivere? Questa è una domanda che ci poniamo tutti e Rosa Sauer lo sapeva bene cosa doveva fare: mangiare, mangiare il cibo del Führer, mangiarlo 3 volte al giorno e sperare che non fosse avvelenato. Ogni pasto era preparato con cura dallo chef di Hitler, un pasto prelibato, succulento, come pochi potevano essere in un paese che moriva di fame. Ogni pasto era vita. Ogni pasto era morte. “Una morte in sordina, fuori scena. Una morte da topi, non da eroi. Le donne non muoiono da eroi.”Rosa Sauer è fuggita da Berlino, e nel 43’ ha la sfortuna di capitare nel paesino di Gross-Partsch poco lontano dal quartier generale di Hitler. Viene scelta insieme ad altre 10 donne per diventare una delle assaggiatrici del Führer. “ Nella caserma di Krausendorf rischiavamo di morire ogni giorno – ma non più di chiunque sia vivo. Su questo aveva ragione mia madre, pensavo mentre il radicchio mi croccava fra i denti. (…)

Il libro di Rosella Postorino è tratto da una storia vera, quella di Margot Wölk, una ragazza tedesca costretta a diventare, insieme ad altre 14 donne, una delle assaggiatrici del Führer.  Ogni giorno mangiavano il cibo di Hitler sperando di non morire, si, perché Hitler aveva questa ossessione, insieme a tante altre, di essere avvelenato dai suoi nemici. E così obbligava delle giovani donne tedesche ad assaggiare colazione, pranzo e cena prima di lui e poi le lasciava aspettare un’ora prima di consumare i suoi pasti. Un’ora tra lacrime, disperazione e paura per la propria vita che sarebbe potuta finire tra atroci dolori.

Quel cibo che ci nutre e ci dà vita diventa uno strumento di tortura, un incubo. Il corpo delle assaggiatrici diventa il luogo della narrazione, dalla bocca allo stomaco, dallo stomaco al loro sfintere. Tutto passa da loro, dentro di loro, donne affamate, spaventate, succubi dei deliri di un uomo senza più ragione, donne privilegiate ma schiacciate dalla colpa.

“My mother used to say that when you eat you fight with death. (…) As if almost every gesture of survival was exposing to the risk of the end: life was dangerous; the whole world, an ambush. ”

What would you do, in order to survive? This is a question that we all ask and Rosa Sauer knew very well what to do: eat, eat the food of the fuhrer, eat it 3 times a day and hope that it was not poisoned. Each meal was carefully prepared by the chef of Hitler, a delicious, succulent meal, as few could be in a country that was dying of hunger. Every meal was life. Every meal was dead. “A muted death, off-stage. A death like mice, not like heroes. Women do not die like heroes.

Rosa Sauer escaped from Berlin, and in the 43 ‘she has the misfortune to happen in the village of Gross-Partsch not far from Hitler’s headquarters. She is chosen together with 9 other women to become one of the Fuhrer’s tasters. “In the Krausendorf barracks we risked dying every day – but no more than anyone else alive. My mother was right about this, I thought as the radicchio crunched between my teeth. (…)

Rosella Postorino’s book is based on a true story, the one of Margot Wölk, a German girl forced to become, along with 15 other women, one of the Fuhrer’s tasters. Every day they ate Hitler’s food, hoping not to die, yes, because Hitler had this obsession, along with so many others, to be poisoned by his enemies. And so he obliged young German women to taste breakfast, lunch and dinner before him and then let them wait an hour before eating his meals.

That food that nourishes and gives us life becomes an instrument of torture, a nightmare. The body of the tasters becomes the place of the narration, from the mouth to the stomach, from the stomach to their sphincter. Everything passes through them, inside them, hungry, frightened women, victims of the delusions of a man without reason, privileged women but crushed by guilt.

 

 

Schermata 2018-07-05 alle 10.26.38.pngIMG_8584-2

 

 

_dsc4469

IMG_8616-5

 

 

 

Schermata 2018-07-05 alle 10.27.53.png

 

 

 

 

 

 

img_8715.jpgSchermata 2018-07-05 alle 10.29.23

 

_DSC3917

 

Schermata 2018-07-05 alle 10.30.28

 

 

_dsc4447

 

 

 

IMG_8484Schermata 2018-07-05 alle 10.31.31.png

 

IMG_8535

 

Schermata 2018-07-05 alle 10.32.48

 

 

 

_DSC3884-2Schermata 2018-07-05 alle 10.34.14

 

IMG_9290-2Schermata 2018-07-05 alle 10.34.43.png

 

IMG_8729

 

 

IMG_8493-2Schermata 2018-07-05 alle 10.35.20

 

IMG_9359

 

 

 

Schermata 2018-07-05 alle 10.37.13

 

 

 

 

 

 

 

 

IMG_8542

Schermata 2018-07-05 alle 10.39.35

 

 

_DSC3941

Schermata 2018-07-05 alle 10.41.11

 

_DSC3734

Schermata 2018-07-05 alle 10.42.31

 

_DSC3778-2

_DSC3783-2Schermata 2018-07-05 alle 10.44.58.png

 

 

 

_dsc4432

 

 

_DSC3967

Schermata 2018-07-05 alle 10.46.54

 

 

 

IMG_8675.jpg

 

 

IMG_9382

Schermata 2018-07-05 alle 10.52.12

Advertisements

BELGIUM

IMG_7242

 

 

 

IMG_7247

 

 

 

IMG_7250

 

 

 

IMG_7253

 

 

 

IMG_7254

 

 

 

IMG_7262

 

 

 

IMG_7265

 

 

 

IMG_7267

 

 

 

IMG_7279

 

 

 

IMG_7280

 

 

 

IMG_7281

 

 

 

IMG_7284

 

 

 

IMG_7285

 

 

 

IMG_7312

 

 

 

IMG_7313

 

 

 

IMG_7319

 

 

 

IMG_7321

 

 

 

IMG_7327

 

 

 

IMG_7332

 

 

 

IMG_7344

 

 

 

IMG_7346

 

 

 

IMG_7349

 

 

 

IMG_7358

 

 

 

IMG_7361

 

 

 

IMG_7364

 

 

 

IMG_7371

 

 

 

IMG_7374

 

 

 

IMG_7375

 

 

 

IMG_7376

 

 

 

IMG_7385

 

 

 

IMG_7388

 

 

 

IMG_7391

 

 

 

IMG_7392

 

 

 

IMG_7398

 

 

 

IMG_7399

 

 

 

IMG_7274

 

 

 

IMG_7298

I A.M.

editing4

 

 

 

editing8_oggetti

 

 

 

editing

 

 

 

editing11_oggetti

 

 

 

editing6

 

 

 

editing12_oggetti

 

 

 

editing7

 

 

 

editing9_oggetti

 

 

 

editing5

 

 

 

editing10_oggetti

 

Mug shots often show up messy, crumpled people. If you look at them with attention, they seem to have just woken up. Did you ever notice it? These mug shot represent the merging of the real and the imaginary, a visual game in which no one has committed a crime, but each one with their chaotic and frenetic life, gets up and goes to the world, declaring who they are and reporting that external disorder inside, that only few can access. Because the real crime is not to show who we really are.

 

Le foto segnaletiche mostrano spesso persone scapigliate, arruffate, a guardarle bene sembrano che si siano appena svegliate. Non ci avete mai fatto caso? Queste foto segnaletiche sono una fusione tra il vero e l’immaginario, un gioco visivo, in cui nessuno ha commesso un crimine, ognuno di loro con la propria vita caotica e frenetica, si alza e va verso il mondo, dichiarando chi sono, riportando quel disordine esteriore all’interno, dove pochi possono accedere. Perché il vero crimine è non mostrarci per come siamo.