LE ASSAGGIATRICI (DI HITLER)

“Mia madre diceva che quando si mangia si combatte con la morte. (…) Quasi che ogni gesto di sopravvivenza esponesse al rischio della fine: vivere era pericoloso; il mondo intero, un agguato.”

Che cosa si è disposti a fare, pur di sopravvivere? Questa è una domanda che ci poniamo tutti e Rosa Sauer lo sapeva bene cosa doveva fare: mangiare, mangiare il cibo del Führer, mangiarlo 3 volte al giorno e sperare che non fosse avvelenato. Ogni pasto era preparato con cura dallo chef di Hitler, un pasto prelibato, succulento, come pochi potevano essere in un paese che moriva di fame. Ogni pasto era vita. Ogni pasto era morte. “Una morte in sordina, fuori scena. Una morte da topi, non da eroi. Le donne non muoiono da eroi.”Rosa Sauer è fuggita da Berlino, e nel 43’ ha la sfortuna di capitare nel paesino di Gross-Partsch poco lontano dal quartier generale di Hitler. Viene scelta insieme ad altre 10 donne per diventare una delle assaggiatrici del Führer. “ Nella caserma di Krausendorf rischiavamo di morire ogni giorno – ma non più di chiunque sia vivo. Su questo aveva ragione mia madre, pensavo mentre il radicchio mi croccava fra i denti. (…)

Il libro di Rosella Postorino è tratto da una storia vera, quella di Margot Wölk, una ragazza tedesca costretta a diventare, insieme ad altre 14 donne, una delle assaggiatrici del Führer.  Ogni giorno mangiavano il cibo di Hitler sperando di non morire, si, perché Hitler aveva questa ossessione, insieme a tante altre, di essere avvelenato dai suoi nemici. E così obbligava delle giovani donne tedesche ad assaggiare colazione, pranzo e cena prima di lui e poi le lasciava aspettare un’ora prima di consumare i suoi pasti. Un’ora tra lacrime, disperazione e paura per la propria vita che sarebbe potuta finire tra atroci dolori.

Quel cibo che ci nutre e ci dà vita diventa uno strumento di tortura, un incubo. Il corpo delle assaggiatrici diventa il luogo della narrazione, dalla bocca allo stomaco, dallo stomaco al loro sfintere. Tutto passa da loro, dentro di loro, donne affamate, spaventate, succubi dei deliri di un uomo senza più ragione, donne privilegiate ma schiacciate dalla colpa.

“My mother used to say that when you eat you fight with death. (…) As if almost every gesture of survival was exposing to the risk of the end: life was dangerous; the whole world, an ambush. ”

What would you do, in order to survive? This is a question that we all ask and Rosa Sauer knew very well what to do: eat, eat the food of the fuhrer, eat it 3 times a day and hope that it was not poisoned. Each meal was carefully prepared by the chef of Hitler, a delicious, succulent meal, as few could be in a country that was dying of hunger. Every meal was life. Every meal was dead. “A muted death, off-stage. A death like mice, not like heroes. Women do not die like heroes.

Rosa Sauer escaped from Berlin, and in the 43 ‘she has the misfortune to happen in the village of Gross-Partsch not far from Hitler’s headquarters. She is chosen together with 9 other women to become one of the Fuhrer’s tasters. “In the Krausendorf barracks we risked dying every day – but no more than anyone else alive. My mother was right about this, I thought as the radicchio crunched between my teeth. (…)

Rosella Postorino’s book is based on a true story, the one of Margot Wölk, a German girl forced to become, along with 15 other women, one of the Fuhrer’s tasters. Every day they ate Hitler’s food, hoping not to die, yes, because Hitler had this obsession, along with so many others, to be poisoned by his enemies. And so he obliged young German women to taste breakfast, lunch and dinner before him and then let them wait an hour before eating his meals.

That food that nourishes and gives us life becomes an instrument of torture, a nightmare. The body of the tasters becomes the place of the narration, from the mouth to the stomach, from the stomach to their sphincter. Everything passes through them, inside them, hungry, frightened women, victims of the delusions of a man without reason, privileged women but crushed by guilt.

 

 

Schermata 2018-07-05 alle 10.26.38.pngIMG_8584-2

 

 

_dsc4469

IMG_8616-5

 

 

 

Schermata 2018-07-05 alle 10.27.53.png

 

 

 

 

 

 

img_8715.jpgSchermata 2018-07-05 alle 10.29.23

 

_DSC3917

 

Schermata 2018-07-05 alle 10.30.28

 

 

_dsc4447

 

 

 

IMG_8484Schermata 2018-07-05 alle 10.31.31.png

 

IMG_8535

 

Schermata 2018-07-05 alle 10.32.48

 

 

 

_DSC3884-2Schermata 2018-07-05 alle 10.34.14

 

IMG_9290-2Schermata 2018-07-05 alle 10.34.43.png

 

IMG_8729

 

 

IMG_8493-2Schermata 2018-07-05 alle 10.35.20

 

IMG_9359

 

 

 

Schermata 2018-07-05 alle 10.37.13

 

 

 

 

 

 

 

 

IMG_8542

Schermata 2018-07-05 alle 10.39.35

 

 

_DSC3941

Schermata 2018-07-05 alle 10.41.11

 

_DSC3734

Schermata 2018-07-05 alle 10.42.31

 

_DSC3778-2

_DSC3783-2Schermata 2018-07-05 alle 10.44.58.png

 

 

 

_dsc4432

 

 

_DSC3967

Schermata 2018-07-05 alle 10.46.54

 

 

 

IMG_8675.jpg

 

 

IMG_9382

Schermata 2018-07-05 alle 10.52.12

Advertisements

BELGIUM

IMG_7242

 

 

 

IMG_7247

 

 

 

IMG_7250

 

 

 

IMG_7253

 

 

 

IMG_7254

 

 

 

IMG_7262

 

 

 

IMG_7265

 

 

 

IMG_7267

 

 

 

IMG_7279

 

 

 

IMG_7280

 

 

 

IMG_7281

 

 

 

IMG_7284

 

 

 

IMG_7285

 

 

 

IMG_7312

 

 

 

IMG_7313

 

 

 

IMG_7319

 

 

 

IMG_7321

 

 

 

IMG_7327

 

 

 

IMG_7332

 

 

 

IMG_7344

 

 

 

IMG_7346

 

 

 

IMG_7349

 

 

 

IMG_7358

 

 

 

IMG_7361

 

 

 

IMG_7364

 

 

 

IMG_7371

 

 

 

IMG_7374

 

 

 

IMG_7375

 

 

 

IMG_7376

 

 

 

IMG_7385

 

 

 

IMG_7388

 

 

 

IMG_7391

 

 

 

IMG_7392

 

 

 

IMG_7398

 

 

 

IMG_7399

 

 

 

IMG_7274

 

 

 

IMG_7298

I A.M.

editing4

 

 

 

editing8_oggetti

 

 

 

editing

 

 

 

editing11_oggetti

 

 

 

editing6

 

 

 

editing12_oggetti

 

 

 

editing7

 

 

 

editing9_oggetti

 

 

 

editing5

 

 

 

editing10_oggetti

 

Mug shots often show up messy, crumpled people. If you look at them with attention, they seem to have just woken up. Did you ever notice it? These mug shot represent the merging of the real and the imaginary, a visual game in which no one has committed a crime, but each one with their chaotic and frenetic life, gets up and goes to the world, declaring who they are and reporting that external disorder inside, that only few can access. Because the real crime is not to show who we really are.

 

Le foto segnaletiche mostrano spesso persone scapigliate, arruffate, a guardarle bene sembrano che si siano appena svegliate. Non ci avete mai fatto caso? Queste foto segnaletiche sono una fusione tra il vero e l’immaginario, un gioco visivo, in cui nessuno ha commesso un crimine, ognuno di loro con la propria vita caotica e frenetica, si alza e va verso il mondo, dichiarando chi sono, riportando quel disordine esteriore all’interno, dove pochi possono accedere. Perché il vero crimine è non mostrarci per come siamo.

 

 

 

 

ALICE IS HERE

01

 

 

 

2

 

 

 

3

 

 

 

4

 

 

 

6

 

 

 

8

 

 

 

9

 

 

 

10

 

 

 

11

 

 

 

12

 

 

 

13

 

 

 

15

 

 

 

16

 

 

 

17

 

 

 

18

 

 

 

19

 

 

 

20

 

When a child is born a lot of people are born with it: a mom, a dad, two grandfathers, two grandmothers and so on. A baby gives birth to new roles, so that families become larger.

Alice was born on October 17th 2007. Alice died on October 17th 2007. Actually, my granddaughter is not dead, now she is 9 years old and me being an aunt stops that day, I don’t see my niece since then. Why? Because there are nodes that do not untie, because, it’s funny, but there is nothing that puts in jeopardy relationships like family. On October 17th 2007 an aunt was born and that would be me. The problem is that while Alice was growing, sticking her teeth, saying the first words, crawling, walking … I was not there. I was not there when she learned to ride a bike, I was not there when she was waiting her turn on the swing and cried for not selling it to the child in the queue, I was not there when she blew out the candles of a new year or when snorting or beating the feet.Alice is now 9 years old, she goes to school, learns new things, goes to the movies, eats ice cream, peels one knee, runs, does all those things that we do imagine for a child of her age.Alice is now 9 years old and she has a father I never knew, I often wonder what they do together, what they say sitting at the table or in bed, what’s her fairy tale good night. What my brother invents to make her smile or to comfort her when she is sad.

Photography has become the perfect tool to represent the lack, the pain and the hope, not so much that I can build a relationship with a person who does not know of my existence, but that she, Alice, will one day understand the reasons of events tumultuous as separations and seek answers, to question truths that have become absolute.These photographs are an attempt to build up an imaginary and imaginative portrait of a relationship, they feature my imagination that takes off and tells a memory that is not there.

Quando nasce un bambino con lui nascono un mucchio di persone: una mamma, un papà, due nonni, due nonne e così a salire nell’albero genealogico. Un neonato mette al mondo nuovi ruoli, è così che le famiglie diventano grandi.

Alice è nata il 17 ottobre 2007. Alice è morta il 17 ottobre 2007. No, mia nipote non è morta, oggi ha 9 anni e io sono una zia ferma a quel giorno, non vedo mia nipote da allora. Perché? Perché ci sono nodi che non si sciolgono, perché è buffo ma non c’è nulla che metta in repentaglio i rapporti d’amore come la famiglia. Il 17 ottobre 2007 è nata una zia, che sarei io. Il problema è che mentre Alice cresceva, le spuntavano i dentini, diceva le prime parole, gattonava, camminava… io non c’ero. Non c’ero quando ha imparato ad andare in bici, non c’ero quando aspettava il suo turno sull’altalena e piangeva per non cederla al bambino in coda, non c’ero quando soffiava sulle candeline di un nuovo anno né quando sbuffava battendo i piedi. Alice oggi ha 9 anni, va a scuola, impara cose nuove, va al cinema, mangia un gelato, si sbuccia un ginocchio, corre, fa tutte quelle cose che ci si immagina faccia una bambina della sua età. Alice oggi ha 9 anni e due nonni che non ha mai conosciuto, due nonni con vite uniche e comuni, strane e belle e turbolente, fatte di racconti che una bambina vorrebbe sentire un po’ per capire come crescere, un po’ per capire che tipo di persona diventare. Alice oggi ha 9 anni e un padre che non ho mai conosciuto, mi chiedo molto spesso che cosa facciano insieme, che cosa si dicano dietro a tavola o a letto, come favola della buona notte. Cosa si inventi, mio fratello, per farla sorridere o per rincuorarla quando è triste.

La fotografia è diventata lo strumento perfetto per rappresentare la mancanza, il dolore e la speranza, non tanto che io possa costruire un rapporto con una persona che non sa della mia esistenza, ma che lei, Alice, possa un giorno comprendere le ragioni di avvenimenti tumultuosi come le separazioni e cercare risposte, mettere in dubbio verità che sono diventate assolute.Queste fotografie sono un tentativo di costruire un ritratto immaginario e immaginifico di un rapporto, sono la mia immaginazione che prende il largo e racconta un ricordo che non c’è.

Chocolate Women

LA STATISTICA.
Si stima che nel mondo soffrano di endometriosi 176 milioni di donne in età fertile. In Italia siamo 3 milioni, ma è una cifra sottostimata perché tiene conto solo dei casi conclamati.
IL DOLORE.
Endometriosi vuol dire dolore. Dolore pelvico che invalida e paralizza. Dolore durante la minzione, la defecazione, i rapporti sessuali. Dolore per una colite o per i periodi di stipsi che si alternano a diarrea. Dolore di un aborto spontaneo.
A volte ti colpisce sin dal risveglio e passi ore sdraiata in posizione fetale, pregando che il dolore duri meno della volta precedente.
Per i medici è una malattia, ma le persone che ti circondano non la trattano come tale: è un dolore che non lascia il segno, è un dolore che colpisce in silenzio.
IL TEMPO.
Se nessuno parla di guarigione è perché una guarigione non c’è. Si cerca disperatamente di guarire ma la verità è che si può andare solo per tentativi. Ma soprattutto: se una cura non c’è, tutto può diventare una cura. Questa pillola, quel ginecologo, l’amica che sa ascoltare, il fidanzato che sa aspettare, la mamma che sa capire. Passano i mesi, passano gli anni, finché l’unica fine che vedi possibile è l’arrivo della menopausa. Oppure l’isterectomia, se proprio non riesci ad aspettare. Finché soffri di endometriosi, il tempo non sarà mai dalla tua parte.
LE FOTOGRAFIE: “CHOCOLATE WOMEN”.
La malattia è nota anche con il nome di cisti “cioccolato” per il colore scuro del loro contenuto ematico.
Nelle donne, il sangue defluisce e si rigenera. Dentro di noi, marcisce dentro. Dentro di noi, scava e sgretola. Scava nei rapporti, scava nei piaceri, scava nel lavoro. E giorno dopo giorno sgretola la possibilità di dare vita alla propria vita. Le donne che ho fotografato, donne che soffrono come me di endometriosi, indossano un indumento rosso: il colore del sangue, del sangue che marcisce nel nostro corpo e non vuole saperne di uscire. Ho fatto indossare un indumento rosso perché ho voluto portare fuori la malattia, ho voluto dare importanza a queste donne, perché si potesse riconoscere una malattia che non mostra segni evidenti. Ci sono gli anni che passano, sono 7, anni in cui nessuno riconosce il tuo dolore. Ci sono le mattine dolorose, prendi una pillola da un blister di Tora-dol, lo prendi ogni volta che il dolore si fa insopportabile. Ci sono le calze antitrombo, ricordi di un operazione nascosti in fondo in un cassetto. Tutte queste donne hanno trovato un modo per andare avanti, per esorcizzare. Queste foto sono il mio modo: volevo mostrare donne che soffrono di una malattia che non viene sempre riconosciuta e che non può essere curata, donne che non si spezzano anche quando il dolore le piega, ho voluto mostrare un volto perché come in ogni malattia, la malattia è la protagonista, la malattia ci identifica, prima di un nome e di una storia.

 

STATISTICS.
It is estimated that in the world 176 millions women of childbearing age suffer from endometriosis. In Italy we are 3 millions, but this number is underestimated because it takes into account only blown cases.
PAIN.
Endometriosis means pain. pelvic pain that invalidates and paralyzes. Pain during urination, defecation, sexual intercourse. Pain for a colitis or for the periods of constipation alternating with diarrhea. Pain of a miscarriage. Sometimes it hits you since awakening and you have to spend hours lying in a fetal position, praying hard that the pain can last less than last time. For doctors this is a disease, but people around you do not treat it as such: it is a pain that leaves no sign, it is a pain that affects silently.
TIMING
If no one speaks of healing it is because there is not a cure. Trying desperately to heal, the truth is that you can only go by trial and mistakes. But above all: if a cure is not there, everything can become a cure. This pill, the gynecologist, the friend who knows how to listen, the boyfriend who waits, the mother who can understand. Months pass, years pass, until you see menopause as the one possible end. Or hysterectomy, if you really can not wait. As long as you suffer from endometriosis, the time will never be on your side.
THE PHOTOGRAPHIES: “CHOCOLATE WOMEN”.
The disease is also known under the name of “chocolate cysts” given to the dark color of their blood content.
In women, the blood flows and regenerates. Within us, he rots inside. Within us, it digs and crumbles. It digs in relationships, digs in pleasures, he delves into the work. And day after day it crumbles the opportunity to give life to their life. The women I photographed, women like me who suffer from endometriosis, they wear a red garment: the color of blood, the blood that rots in our body and does not want to leave. I did ask them to wear a red garment because I wanted to bring out their disease, I wanted to give importance to these women, to make visible a disease that shows no obvious signs. Years are passing by, they are 7 years now and no one recognizes my pain. There are painful mornings, when you take a pill from a blister of Tora-dol, and you take it whenever the pain becomes unbearable. There are antithrombotic stockings, memories of an operation hidden in a drawer. All these women have found a way to move forward, to exorcise the problem. These photos are my way to express it: I wanted to show women who suffer from a disease that is not always recognized and cannot be cured, women who do not break up even when the pain tries to bend them, I wanted to show their faces because as with any disease, the disease is the main character, the disease identifies us, before a name and a story.

 

 

pamela2

 

 

chiara

 

 

 

 

franca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

img_5033

 

 

img_4994

 

 

img_5026

 

 

 

 

A-MEN

This project was born on my way home. I was struck by the image of man carrying a huge cross in his hands. I realized that I was at Porta Palazzo, one of the largest squares of Turin , which houses every day one of the largest outdoor markets in Europe . So I began to document the work of these men .
Every day, at 8 pm, a liturgical ritual gets started. Every day A- MAN carries a cross, that serves to build a piece of a stall that will be used to sell fruit and vegetable at Porta Palazzo. Gestures are repeated dozens, hundreds of times , they takie wooden planks , bars metal and metal crosses. This ” ritual ” takes place every day , all year round under the summer sun or the wind of a thunderstorm. I met these Arabic men, each of them with a past and a future that they carry forward clutching a cross with their hands.

Questo progetto è nato sulla strada che mi porta verso casa. Venni colpita dall’immagine di uomo che portava tra le sue mani un enorme croce. Mi resi conto che ero nella piazza del mercato di Porta Palazzo, una delle piazze più estese di Torino, che ospita ogni giorno uno dei mercati all’aperto più grandi d’Europa. Ho cominciato così a documentare il lavoro di questi uomini.
Ogni giorno, alle ore 20, ha inizio un rituale liturgico. Ogni giorno A-MAN porta con sé una croce, questa serve per costruire un pezzo di una bancarella che verrà utilizzata per il mercato della frutta e verdura di Porta palazzo, i gesti sono ripetuti decine, centinaia di volte, prendono assi di legno, barre di metallo e delle croci. Questo “rituale” avviene tutti i giorni, tutti i mesi dell’anno, sotto il sole estivo o il vento di un temporale. Ho conosciuto questi uomini arabi, ognuno con un passato, e un futuro che portano avanti con le loro mani tenendo stretta una croce.